fbpx
Alaco, Calabretta incontra operai. Ecco il punto sui lavori img 0575
Home In Primo Piano Notizie

Alaco, Calabretta incontra operai. Ecco il punto sui lavori

Il commissario della Sorical, Cataldo Calabretta, ha fatto visita questa mattina al cantiere dell’acquedotto Alaco nel Comune di Brognaturo. Da sei giorni, due imprese specializzate sotto la direzione tecnica degli ingegneri della Sorical stanno lavorando per ripristinare il servizio idrico dopo la rotture di due condotte causate dalla frana di un costone. Il commissario era accompagnato dal geometra Tommaso Laporta, già responsabile dell’ufficio di Catanzaro della Sorical e memoria storica dell’acquedotto avendo lavorato alla sua costruzione negli anni 70 con la ex Casmez e poi con l’ufficio acquedotti della Regione Calabria. Calabretta ha incontrato l’ingegnere Massimo Macri, Capo compartimento centro della società  e il geometra Domenico Isola responsabile dell’ufficio di Vibo. Calabretta si è intrattenuto anche con gli operai, ringraziandoli, per lo sforzo che si sta facendo, lavorando al gelo e sotto la pioggia da sei giorni al fine di garantire il servizio pubblico essenziale.    Il responsabile dell’Ufficio di Vibo, Domenico Isola ha illustrato gli ultimi dati del telecontrollo dal quale emerge che l’adduzione è regime già da ieri sera.  Inoltre Isola ha spiegato che se alcune zone della città ancora non hanno sufficiente acqua ciò è dovuto alle cisterne private dei palazzi che impediscono l’entrata in pressione della rete idrica comunale. Rispetto ai lavori sull’altra condotta Alaco (ramo entroterra e Piana di Gioia Tauro), l’ing Macri ha spiegato che anche questa condotta DN 700 risulta danneggiata in più punti ed è necessario la sostituzione integrale come quella per Vibo. Pertanto si è già provveduto alla rimozione di circa 100 metri di tubazione danneggiata e al posizionamento della nuova. Nella giornata di domani si eseguiranno le saldature e si avvierà la costruzione dei blocchi di ancoraggio. Solo dopo queste lavorazioni sarà possibile erogare l’acqua anche su questo ramo dell’acquedotto. “Sorical – ha detto Calabretta – sta ancora una volta dimostrando di poter gestire non solo gli investimenti per gli acquedotti, ma anche affrontare e risolvere gravi emergenze. Sorical è il candidato naturale per la gestione del servizio idrico integrato della Calabria”. I lavori di oggi sulla condotta Alaco ramo per entroterra Vibonese e Piana di Gioia Tauro
Alaco: Fermati i lavori per avverse condizioni meteo img 0471
Home In Primo Piano Notizie

Alaco: Fermati i lavori per avverse condizioni meteo

La Direzione Lavori del cantiere Sorical che sta ripristinando l’acquedotto Alaco ha informato le Prefetture di Vibo e Reggio Calabria che alle ore 18 ha disposto la sospensione dei lavori a causa del peggioramento delle condizioni meteo che non consentono in alcun modo ai mezzi meccanici di poter trasportare il cemento per la gettata dei blocchi di ancoraggio in piena sicurezza. I lavori riprenderanno domani mattina alle prime luci del giorno quando verrà ripristinata la pista per l’accesso al sito del cantiere al momento impraticabile.
Alaco, seconda giornata di lavori sull’acquedotto e47f968f d568 474c bb9e 6a075386a983
Home In Primo Piano Notizie

Alaco, seconda giornata di lavori sull’acquedotto

Proseguono a ritmo serrato e sotto la pioggia i lavori di ripristino dell’acquedotto Alaco nel tratto che attraversa il comune di Brognaturo e Spadola. Da ieri due imprese specializzate hanno prima costruito le piste di accesso alle condotte e nella giornata di oggi sono stati creati i basamenti dove poter posare le condotteche poi dovranno essere ancorate al terreno.  Questa mattina una prima squadra ha provato a collegare una delle condotte, ma i lavori di saldatura sono stati rallentati dalla pioggiacaduta copiosa e metà mattina. I lavori sono proseguiti fino a notte fonda attraverso l’ausilio di fari alogeni alimentati da un gruppo elettrogeno. All’opera ci sono quattro escavatori e più squadre di operai.  “Occorre sostituire diverse decine di metri di segmenti di condotte che si sono spezzate con il peso dalla frana” – spiega l’ingMassimo Macri che coordina i lavori insieme al responsabile dell’ufficio di zona di Vibo geometra Domenico Isola e al geometra Tommaso Laporta, già responsabile di zona di Sorical, conoscitore dell’acquedotto avendo lavorato alla sua costruzione negli anni 70 con la Casmez – Stiamo posando le nuove che ora devono essere ancorate e saldate. Sui tempi gli ingegneri della Sorical non si sbilanciano, sapendo che dal momento in cui all’Ipot viene riavviato il processo di potabilizzazione e fino a che l’acqua arrivi ai serbatoi cittadini di Vibo e degli altri Comuni ci vorranno diverse ore. Inoltre – aggiunge – non è detto che con i serbatoi cittadini pieni, l’acqua arriverà in tutte le casa perché ci saranno delle abitazione poste ad un livello piezometrico favorevole che riceveranno l’acqua subito, i palazzi nelle zone alte della città saranno alimentati successivamente, solo quando tutta la rete idrica entrerà in pressione.”
Alaco, Sorical illustra piano in Prefettura a Vibo img 0315 scaled
Home In Primo Piano Notizie

Alaco, Sorical illustra piano in Prefettura a Vibo

Sorical ha relazionato in Prefettura a Vibo sulla rottura di due condotte dell’acquedotto Alaco che sta causerà forti disagi alla popolazione dei Comuni serviti. L’ingegnere Massimo Macri, responsabile del Compartimento Centro della Sorical e il geometra Domenico Isola hanno illustrato il piano dei lavori per il ripristino del servizio previsto per l’inizio della prossima settimana. Sorical nel territorio di Brognaturo, in località Monte Petri, ha già aperto il cantiere, costruite le piste per poter accedere con gli automezzi nel punto dove le maestranze dovranno lavorare in sicurezza. In serata sono arrivate anche due tir con le nuove tubazioni.  Sorical sta adoperando due diverse imprese specializzate in lavori acquedottistici e diversi escavatori.  L’ingegnere Macrì ha illustrato il piano di azione: prioritariamente risulta necessario mettere in sicurezza il costone che ha subito oltre 70 metri di movimenti franoso causando sia il distacco di oltre 2 metri della condotta DN 450 – che alimenta la città di Viboe i comuni di Stefanaconi, S. Onofrio e Gerocarne – che il disallineamento di circa dieci metri della condotta DN600, Alacodorsale entroterra, che alimenta anche alcuni comuni della piana di Gioia Tauro, oltre che Brognaturo, Serra S. Bruno, Soriano, Sorianello e San Nicola da Crissa, Mongiana e Fabrizia. Questi lavori sono necessari per ricostituire il letto di posa delle condotte che dovranno essere riallineate secondo la direttrice originaria o bypassate su un tracciato più stabile. Inoltre sarannorealizzati ancoraggi e briglie anche tramite l’ausilio di calcestruzzi con additivi acceleranti.  I ritardi dell’intervento – è stato spiegato – sono dovuti alla difficoltà di rinvenire il punto esatto di rottura. Dopo una notte di sopraluoghi solo questa mattina alle prime luce del giorno, ilpersonale della Sorical ha individuato in una zona impervia la rottura. Sui tempi di ultimazione dei lavori, i tecnici della Soricalnon si sono sbilanciati, ma occorreranno diversi giorni per completare l’intervento. Intanto il Prefetto di Vibo, dottoressa Roberta Lulli, ha coordinatola riunione per affrontare l’emergenza idrica che si è creata. Presente al tavolo il sindaco di Vibo, Maria Limardo, i responsabili dell’Asp, della Protezione Civile Regionale, dei Vigili del Fuoco e della Polizia Penitenziaria. E’ stato attivato già da oggi pomeriggio un servizio di autobotti per assicurare risorsa idrica alle strutture sanitarie e al Penitenziario. Nel complesso sono state attivate 6 autobotti dei Vigili del Fuoco e oltre 10 autobotti più piccole della Protezione Civile Regionale che saranno dislocate in vari punti della città individuati dall’amministrazione comunale.
Abatemarco riparato nella notte, Alaco fermo e7e8a26d 5c0d 4205 b2fd b3046fc10e3a
Home In Primo Piano Notizie

Abatemarco riparato nella notte, Alaco fermo

La condotta Alaco spezzata Sono stati ultimati ieri sera alle ore 23:30 i lavori di riparazione dell’acquedotto Abatemarco e subito dopo è stata ripristinata l’erogazione idrica verso i serbatoi, al momento non si registrano particolari disagi nell’area urbana di Rende e Cosenza. Si presenta invece molto più complessa la riparazione dell’acquedotto Alaco. Dopo la perlustrazione di tutto l’asse adduttore, sospesa solo alle 23.3 di ieri sera e ripresa alle prime luci di questa mattina, una squadra operativa SORICAL ha rinvenuto il punto in cui si è originata la rottura, in una delle aspre vallate poste immediatamente a valle del comune di Serra San Bruno. Una grave frana ha causato la rottura sia del ramo che raggiunge Vibo Valentia sia l’altro ramo che alimenta i comuni della Piana di Gioia Tauro. Il contesto è oltremodo difficile, sia per l’asperità naturale del territorio, sia perché priam ancora di ripristinare la continuità delle condotte si dovrà riconfigurare il pendio franato, realizzando opere di sostegno ed altri interventi.Sul posto sono all’opera le migliori imprese specializzate in questa tipologia di manutenzioni, con mezzi meccanici di adeguata potenza per poter intervenire in sicurezza. Si farà tutto il possibile per ripristinare il servizio quanto prima ma al momento non è possibile fare delle previsioni attendibili.
Abatemarco e Alaco fermi per rottura condotte b6d294a8 bdcb 4552 a428 89e96d8078b3
Home In Primo Piano Notizie

Abatemarco e Alaco fermi per rottura condotte

Sono fermi gli acquedotti Abatemarco e Alaco per due gravi cedimenti alle condotte. Il fermo dell’Abatemarco interessa il partitore Marturano a causa del cedimento della struttura in acciaio che dirama il flusso idrico in due distinte direzioni. Sorical ha già commissionato, previa progettazione, un nuovo pezzo speciale che sta realizzando in officina un’azienda specializzata, e se ne prevede la sostituzione non appena sarà ultimato. Per tutta la serata, un’impresa specializzata della Sorical sta mettendo in sicurezza la tubazione e nella notte si prevede il riavvio dell’acquedotto. L’Abatemarco alimenta 26 Comuni della provincia di Cosenza, compreso il capoluogo. Ben più complessa è la gestione della riparazione dell’acquedotto Alaco, ramo tirrenico che alimenta la città di Vibo Valentia, Stefanaconi e Gerocarne. Questa mattina i sistemi di telecontrollo hanno segnalato una leggera riduzione della portata idrica che è diventata totale nel pomeriggio. Squadre addette alla condizione dell’acquedotto stanno setacciando da oggi pomeriggio tutto il tracciato, in alcuni tratti impervio con alti dislivelli, per ricercare la perdita. Alle ore 20:30 ancora non è stato individuato il punto di rottura. Solo domani mattina sarà possibile iniziare i lavori di riparazione.  (seguiranno aggiornamenti)
Eni fornitore Sorical per il 2022. Forte impatto sui costi del caro-energia 8be2bfa0 1866 48c5 9997 f41097fa0668
Home In Primo Piano Notizie

Eni fornitore Sorical per il 2022. Forte impatto sui costi del caro-energia

Eni sarà il fornitore di energia elettrica della Sorical anche per il 2022. Il fornitore è stato scelto agli esiti di una procedura di gara e nei giorni scorsi i legali rappresentanti della Sorical hanno stipulato il relativo contratto di fornitura.Il mercato globale dell’energia elettrica, al pari di quello delle altre componenti energetiche, sta vivendo dei momenti di fortissima agitazione. Le quotazioni dell’energia elettrica negli ultimi mesi stanno avendo delle impennate mai viste in precedenza, raggiungendo ed anche superando valori dell’ordine dei 190-200 €/MWh, numeri assolutamente impensabili fino a pochi mesi addietro. Per comprendere la dimensione e l’impatto di tali aumenti di prezzo basti pensare che il prezzo unitario pagato da Sorical nel 2020 è stato di 64€/MWh che, per i complessivi consumi del sistema acquedottistico, ha condotto ad un costo di 28,3 milioni, mentre nel 2021, al costo unitario di 58 €/MWh, discenderà un costo complessivo di circa 27 milioni di euro. Una così sfavorevole congiuntura economica impatterà notevolmente sui costi della società che dovrà fare fronte ad un rilevantissimo aumento del costo per l’approvvigionamento dell’energia elettrica Ai valori di oggi, oscillanti tra i 150-155 €/MWh, e sulla base delle più affidabili previsioni sull’andamento del prezzo nel corso dell’intero 2022, si valuta che il costo complessivo potrà attestarsi intorno ai 40 milioni di euro con un’incidenza media sui costi operativi che supererà il 60%. In un tale scenario, con delle così vistose oscillazioni di prezzo, Sorical ha scelto una formula contrattuale in cui il prezzo sarà indicizzato all’andamento del mercato, auspicando di potere quindi fruire delle riduzioni che gli analisti prevedono si potranno avere per il 3° e 4° trimestre dell’anno.“L’energia – spiega il direttore dell’Area Operativa di Sorical Ing. Sergio De Marco – è sempre stato un tema cui SORICAL ha dedicato massima attenzione. Una cospicua riduzione dei consumi è stata ottenuta ed ormai consolidata già da diversi anni in cui, pur a fronte di un aumento della quantità di acqua erogata, il fabbisogno di energia elettrica è staro ricondotto dagli oltre 224 GWh (milioni di kilowattora) del 2004 agli attuali 170-180 GWh con delle relative oscillazioni correlate alla maggiore o minore siccità che può rendere indispensabile attivare impianti di emergenza nel semestre maggio-ottobre e cioè i mesi della massima magra delle sorgenti in Calabria.”Secondo il commissario di Sorical, Cataldo Calabretta, “una ulteriore riduzione dei consumi potrà ottenersi a fronte di una energica ripresa degli investimenti in efficientamento e ammodernamento degli impianti di pompaggio, telecontrollo ed automazione, generazione di energia da fonte idroelettrica, tutti ambiti nei quali SORICAL è pronta ad investire le risorse del PNRR. Sorical, da quando è subentrata alla Regione Calabria nella gestione degli acquedotti, attraverso cospicui investimenti, ha già ridotto notevolmente i consumi di energia elettrica come è desumibile dal grafico in basso.
Home In Primo Piano Notizie

Maltempo: cade albero e trancia linea elettrica Abatemarco

Il blackout elettrico che interessa da ieri sera l’acquedotto Abatemarco è stato causato dalla caduta di un albero che ha tranciato una delle linee elettriche dell’impianto di sollevamento Nascejume che alimenta l’acquedotto Abatemarco. Ieri sera i tecnici della Sorical hanno allertato i tecnici di Enel-distribuzione e la Prefettura di Cosenza della gravità del danno causato dal maltempo. Al momento non si conoscono i tempi di ripristino dell’impianto. (Seguirà aggiornamento)
Ciro’ Marina, Calabretta incontra il sindaco Ferrari e29176da c928 456d a749 192a54f63f73
Home In Primo Piano Notizie

Ciro’ Marina, Calabretta incontra il sindaco Ferrari

“Per evitare un’altra estate come quella del 2021 occorre mettersi al lavoro subito e trovare risposte alla crisi idrica che ha investito Cirò Marina”. Lo ha detto il sindaco di Ciro Marina Sergio Ferrari incontrando questa mattina in Sorical il commissario Cataldo Calabretta. L’incontro è servito per fare il punto sull’emergenza idrica che ha interessato questa estate Cirò Marina. Supportato dai tecnici, sono state analizzate le criticità e approntato un piano di azione per i prossimi mesi. Il Sindaco ha evidenziato la necessità, comunque, di interventi ai Pozzi del Lipuda, alla condotta che collega i pozzi ai serbatoi ed ai serbatoi stessi. Il commissario Calabretta ha spiegato che entro l’estate 2022 entrerà in funzione il campo Pozzi “Timpa del Salto” e l’ex salinodotto Syndial porterà un grande quantità di acqua potabile a Torre Melissa e Strongoli Marina a queste comunità che da anni soffrono nel periodo estivo carenza idrica”. L’attivazione del nuovo acquedotto, il 158° in gestione alla Sorical, non solo risolve definitivamente la carenza idrica dei due Comuni, ma consentire a Cirò Marina di avere una maggiore quantità di acqua potabile dal campo pozzi Lipuda che oggi viene erogata proprio a Strongoli e Torre Melissa. In futuro ben 4 pozzi possono essere dedicati alla città di Cirò. Calabretta ha spiegato al primo cittadino cirotano che ci sono stati dei ritardi per l’attivazione dell’acquedotto Timpa del Salto. “Ho avuto rassicurazioni che la Regione sta per indire la Conferenza dei Servizi in modo tale da mettere nelle condizioni la Sorical di aprire i cantieri e procedere ai collegamenti idraulici. “Si tratta di posare una condotta per un tracciato di circa 300 metri e potenziare il campo pozzi che ha una dotazione di circa 60 litri al secondo di acqua potabile”, ha spiegato al sindaco Ferrari aggiungendo. “Ci sono tutte le condizioni assicurare un servizio efficiente a Cirò Marina. Ricordo che l’acqua potabile non è illimitata e non va sprecata”.
Lamezia, ripresa erogazione dopo 40 ore di lavoro ininterrotto 976a22ca 9765 4927 8c0c 24f7edd8fd67
Home In Primo Piano Notizie

Lamezia, ripresa erogazione dopo 40 ore di lavoro ininterrotto

Sorical ha ultimato questa sera, dopo circa 40 ore consecutive di lavoro ininterrotto, la riparazione del guasto sulla condotta per i serbatoi di Sambiase Basso, Sambiase Alto e Caronte. Dalle ore 18:30 sono state immediatamente avviate le operazioni di riavvio della erogazione idrica dal partitore Canneto verso il serbatoio di Sambiase Basso, l’intervento di riavvio della fornitura sarà eseguito con gradualità e impegnerà le maestranze per ulteriori due ore, non appena si sarà raggiunto un minimo di accumulo entro il serbatoio di Sambiase Basso sarà riavviato anche l’impianto di sollevamento per Sambiase Alto e Caronte. Si può prevedere che le utenze finali potranno avere ripristinata la fornitura dalle ore 23 iniziando da quelle poste a quota più bassa. Diverse squadre specializzate sono stato impegnate nelle 40 ore di lavoro anche per effettuare quattro riparazioni, tra la giornata di ieri e di oggi, sulla condotta principale in acciaio DN 400 tra Scinà e il serbatoio di Canneto Alto, interventi eseguiti senza provocare disagi ai cittadini. Al fine di dare ai cittadini, si ricorda che la Sorical, ha in corso una richiesta di finanziamento di circa 2,5 milioni di euro alla Regione Calabria per la sostituzione dell’intera tratta di condotta tra il Partitore Canneto e il Serbatoio Sambiase Basso. Per quanto riguarda invece la condotta premente principale DN 400, tra Scinà e il serbatoio Canneto Alto per la quale Sorical si è assunta l’onere di provvedere alla sostituzione di un tratto di circa 2 Km con propri fondi di bilancio, si da conto che la gara per la fornitura delle tubazioni è stata esperita con aggiudicazione alla ditta vincitrice, le tubazioni previste nell’ordine di aggiudicazione sono disponibili presso i depositi di Trieste dell’azienda vincitrice, ciò precisato, si prevede che non appena l’ordine sarà formalizzato entro una al massimo due settimane i tubi saranno materialmente presso i depositi Sorical di Lamezia Terme e potranno essere immediatamente posati in opera avendo già a disposizione l’impresa installatrice. Infine si ricorsa che in questi ultimi due anni ha ripristinato le infrastrutture edili dei serbatoi Caronte, San Biase Alto, San Biase Basso, Bella Alto, Bella Basso, Canneto Alto e Canneto Basso, nonché gli arrivi ENEL delle Cabine MT di Scinà, Sambuco, Pian del Duca, Palazzo e Ceramdio. Ha installato 4 elettropompe sommerse da pozzo da 300 KW; e 3 avviatori a frequenza variabile di nuova generazione per l’impianto Sambuco, nonché 2 pompe ad asse orizzontale da 250 KW per impianto Scinà ed ultimo ha sostituito circa 1500 metri di tubazione in polietilene Dn 300 sulla condotta premente per il serbatoio di San Pietro Lametino e 300 mt  della stessa condotta per i serbatoi di Bosco Amatello, Marinella e Vetere; Inoltre sulla stessa tratta sono già in cantiere ulteriori 800 metri di tubazione in Pe De 300 che a breve saranno poste in opera per migliorarne l’affidabilità strutturale e ridurre perdite e interruzioni di fornitura idrica. Pur nella complessità e consistenza degli interventi in cantiere, Sorical è impegnata nel ridurre al minimo i disagi ai cittadini e, come è accaduto nelle ultime ore, se necessario anche nelle ore notturne senza soluzione di continuità fino al completo ripristino della erogazione Il cantiere

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archivie o dal dacquando il browser, sotto forma di biscotti. Controlla qui i servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi