fbpx
Notizie

Sorical in soccorso del Comune di Isola Capo Rizzuto

Sorical supporta il Comune di Isola Capo Rizzuto a seguito della perdurante emergenza idrica. Su richiesta di Congesii e del Comune, i tecnici della Sorical, attraverso opportune manovre, hanno aumentato l’erogazione verso i serbatoi del Comune, da alcuni giorni a secco a causa del malfunzionamento dell’impianto di potabilizzazione che l’amministrazione comunale aveva messo in funzione nei mesi scorsi . Sorical approvvigiona il Comune dell’impianto di potabilizzazione Neto.

Notizie

Sorical: Su tariffe, il M5S dice il falso

“Moderare i toni e smetterla di fare demagogia senza fondamenti giuridici”: i Liquidatori della SoRiCal s.p.a. Luigi Incarnato e Baldassare Quartarao replicano ad una serie di articoli giornalisti apparsi nelle ultime settimane, sulle iniziative M5S Calabria. “Gli articoli riportano un coacerbo di affermazioni gravi, false e pericolose. Gravi perché si accusa il Gestore regionale di aver “truffato” i cittadini calabresi applicando tariffe autodeterminate in violazione di legge, quando è fatto noto a tutti che Sorical – quale mero gestore in concessione – ha solo proceduto (essendo questo suo dovere) ad applicare le tariffe idriche determinate dall’Autorità pubblica di volta in volta competente, prima dunque dalla Regione Calabria e poi, a decorrere dall’1.01.2010, dall’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici, su proposta regionale. False perché ancora, a distanza di anni, si usa lo spauracchio dell’errore di conversione da lire in euro della tariffa di partenza, contenuto nella convenzione di concessione Sorical/Regione del 2003, per teorizzare che tali tariffe sarebbero illegittime, dimenticando non solo che la tariffe di un servizio pubblico non son quelle contenute in atti convenzionali tra concedente e concessionario, ma in provvedimenti amministrativi adottati dalla PA titolare del servizio (le tariffe idriche di partenza applicate da Sorical sono, infatti, solo quelle di cui alla Delibera della G.R. n. 91/05 – all. B), ma anche che il Co.N.Vi.Ri con il noto Parere dell’11.11.2011 ha chiarito in modo tombale che non esistono regole predefinite per determinare la tariffa di partenza del servizio idrico”. Continuano poi i Liquidatori di Sorical precisando che “d’altra parte la falsità delle dichiarazioni incautamente riportate è evidente allorquando si afferma che Sorical sarebbe a maggioranza privata, quando è noto a tutti che la società mista ha prevalente capitale pubblico regionale. Ad ogni modo, al netto delle accuse infondate e propagandistiche lanciate contro la Società, il fatto dirimente e fondamentale, sul quale l’opinione pubblica dovrebbe soffermarsi, è che tutti i Tribunali calabresi aditi per ottenere la disapplicazione delle tariffe idriche regionali applicate da Sorical e la restituzione di un presunto indebito precetto, ha rigettato quelle azioni. Le tariffe applicate da Sorical sono dunque pienamente e definitivamente valide ed efficaci”. Aggiungono ancora dalla Sorical “Il punto che, però, preoccupa di più è la pericolosità sociale di tali affermazioni, riprodotte mezzo stampa senza nemmeno interpellare chi, Sorical, viene accusata con tanta leggerezza di ‘truffa’. Ed infatti la campagna diffamatoria e fuorviante posta in essere in giro per la Calabria, fondata su informazioni parziali e non suffragata del benché minimo riscontro oggettivo, ha – come già ha avuto – l’unico effetto di incrementare il tasso di morosità già altissimo in Calabria. E questo a detrimento proprio del servizio pubblico che si ‘proclama’ di voler tutelare. Gli introiti da tariffa, infatti, sono destinati anche alla realizzazione di investimenti sulle infrastrutture idriche, sia di grande adduzione (gestite da Sorical) che di distribuzione (gestite dai Comuni). E’ chiaro dunque che meno si incassa minori sono le risorse finanziarie da poter destinare a tali investimenti. Nei mesi estivi abbiamo assistito ad un preoccupante fenomeno di siccità, che dovrebbe indurre tutti i soggetti coinvolti, in primis gli esponenti politici calabresi, a prendere molto seriamente il tema, contribuendo a costruire una interlocuzione serena e costruttiva, nell’interesse primo dei cittadini calabresi. Continuare ad ‘aizzare’ gli animi affermando che ai cittadini calabresi vengono imposte tariffe “esorbitanti” è un falso storico, e fa male all’interesse pubblico collettivo. I risultati del 4° numero del «Diario della transizione» del Censis ci dicono infatti che le tariffe italiane per il servizio idrico sono le più basse d’Europa (e che quelle più basse sono applicate nel sud Italia). In media una famiglia di tre persone con un consumo annuo di 180 metri cubi spende 307 euro all’anno, 25,6 euro al mese: quanto il costo di una tazzina di caffè al bar al giorno (85 centesimi). Si tratta dello 0,9% della spesa media mensile di una famiglia. Per lo stesso servizio in Spagna si spendono 330 euro all’anno, in Francia 700 euro, in Austria, Germania e Regno Unito 770 euro. Dei 307 euro italiani, solo 143 euro riguardano il servizio di acquedotto. Il resto serve per pagare fognature e depurazione. Quindi, per avere acqua potabile in casa, una famiglia italiana spende circa 40 centesimi al giorno. Tutto questo non ha impedito, tuttavia, la sedimentazione nel tempo di tassi di morosità molto più elevati di quelli di energia elettrica e gas: 3,8 miliardi di euro di crediti scaduti, di cui 1,1 miliardi da oltre 24 mesi. A questo il Censis aggiunge che pur essendo l’Italia un paese ricco di acqua, lo spreco della risorsa è enorme. Le perdite di rete sono pari al 31,9% e ciò costringe ad aumentare il prelievo di acqua alla fonte impoverendo la risorsa ed esponendo alcuni territori a cronici disservizi. Anche in questo caso il confronto con i partner europei è impietoso: in Germania le perdite di rete sono pari al 6,5%, in Inghilterra e Galles al 15,5%, in Francia al 20,9%. Il dato poi si aggrava ancor più se si guarda alle reti di distribuzione dei Comuni calabresi che, in taluni casi, arrivano a disperdere anche il 70% della risorsa idrica all’ingrosso erogata da Sorical. Questo scenario drammatico è stato denunciato proprio dalla Corte dei Conti nella tanto invocata Relazione del 2011. Ed è veramente strano che proprio questo aspetto sia sistematicamente omesso da chi con tanta veemenza dice di volersi interessare di servizio pubblico” Concludono quindi i Liquidatori di Sorical “sono questi i temi su cui noi vogliamo confrontarci e sui quali siamo pronti a rimboccarci le maniche. Tutto il resto è solo ‘politica politicante’ fatta non si sa a beneficio di chi. Certamente non dei cittadini calabresi”

Notizie

In esercizio la nuova condotta Calopinace. Migliorata l’erogazione a Reggio Centro

Alle ore 15 di oggi i tecnici della Sorical hanno messo in esercizio la nuova condotta DN 400 dell’acquedotto Calopinace nei pressi del costruendo nuovo Palazzo di Giustizia. Dalle misurazioni effettuate al serbatoio Trabocchetto l’erogazione è migliorata di 10 litri al secondo in più rispetto alla vecchia condotta. Attualmente è in esercizio anche la secondo condotta DN 300 che sarà disattivata nella giornata di domani non appena saranno completati i lavori.
Breve cronistoria: Il tratto di condotta sostituito è stato posato per cosentire la realizzazione del nuovo Palazzo di Giustizia. Il progetto del Cedir impose all’allora Settore Gestione Acquedotti della Regione Calabria lo spostamento in nuova sede di una tratta delle condotte prementi facenti parte dello schema acquedottistico “Calopinace”. Le condotte risultavano infatti interferenti con le strutture di fondazione dei realizzandi edifici e per tale motivo il Comune di Reggio Calabria dovette quindi espropriare alla Regione Calabria la fascia di terreno entro la quale le condotte stesse risultavano in origine posate.
Negli anni tra il 2000 ed il 2003 – in tempi quindi precedenti il trasferimento alla SORICAL del mandato alla gestione delle opere idropotabili della Regione Calabria – si svolsero i passaggi amministrativi relativi a tale esproprio e venne definito il progetto degli interventi infrastrutturali ed impiantistici per dare attuazione ad una variante di tracciato che rendesse libere da sottoservizi le aree sulle quali doveva sorgere il nuovo complesso edilizio. La realizzazione di tali interventi, subordinata ad una serie di prescrizioni ed accorgimenti operativi imposti dall’allora Settore Gestione Acquedotti della Regione Calabria, veniva affidata dal Comune di Reggio Calabria alla stessa Bentini S.p.A. l’impresa appaltatrice aggiudicataria dei lavori di costruzione del nuovo palazzo di giustizia.
Le condotte in acciaio poste in opera all’atto degli interventi del 2003 risultavano dopo 10 anni palesemente non adatte alle pressioni di esercizio dell’acquedotto in questione e che  come ben noto  affette da continue importanti rotture, provocando disservizio e continui danni e allagamenti. Per tale motivo Sorical, in accordo con l’amministrazione Falcomatà, ha deciso lo spostamento che si è completato oggi.

Notizie

Acquedotto Calopinace, lavori in corso sui due fronti per ridurre i disagi

Sono iniziati questa mattina i lavori per la messa in esercizio del nuovo tratto di condotta dell’acquedotto Calopinace realizzato dalla Sorical. Per ridurre il disagio ai cittadini, visto che è stata interrotta l’erogazione dall’impianto di dissalazione e dai pozzi verso il serbatoio Trabocchetto, sono stati aperti due cantieri con due distinte squadra tecniche nei due versanti, dal lato nord e sud del nuovo Palazzo di Giustizia.  I tecnici della Sorical prevedono la fine dei lavori nel tardo pomeriggio.

 

 

Notizie

Reggio, lunedì 18 collegamento nuova condotta Calopinace

Tecnici e imprese della Sorical, in accordo con il Comune di Reggio Calabria, lunedì mattina procederanno alla messa in esercizio del nuovo tratto di condotta dell’acquedotto Calopinace.
Gli uffici della Sorical hanno comunicato al Comune di Reggio il piano dei lavori che prevede alle ore 8 la sospensione dell’erogazione dell’acqua dai pozzi Calopinace e dall’impianto di dissalazione verso il serbatoio Trabocchetto che alimenta il centro storico di Reggio. Sorical conta di completare i lavori di collegamento in serata. Con la messa in esercizio della nuova condotta, adiacente il nuovo Palazzo di Giustizia, si porrà fine ad una serie di disagi causati dall’ammaloramento precoce della doppia condotta posata nel 2003, variando il tracciato definito negli anni 70 della ex Casmez, per consentire la costruzione del Cedir.

Senza categoria

Gerocarne, lavori in corso su condotta Alaco

Notizie

Riunione in Prefettura su acquedotto Simeri-Passante. Gli impegni della Regione

La Regione si è impegnata a mette in atto tutte le procedure per accelerare gli interventi di messa in sicurezza dell’acquedotto “Simeri – Passante” che alimenta la città di Catanzaro e i Comuni di Simeri Crichi, Sellia Marina, Cropani e Botricello, sul litorale ionico.
Alla riunione in prefettura, presieduta dal Prefetto dottoressa Maria Luisa Latella, coadiuvata dal vice prefetto, area protezione civile, dottoressa Costanza Pino e dal funzionario dottor Luigi Bigagnolo, hanno partecipato il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo e il dirigente dell’ufficio acquedotto Ing. Antonio Morelli. La riunione, chiesta dal sindaco Abramo, è servita per fare il punto sui diversi interventi che attendono da anni una risposta da parte della Regione e della Sorical. La Regione, presente l’assessore alle Infrastrutture Roberto Musmanno e l’ing Francesco Viscomi, ha illustrato nel dettaglio tutti gli interventi programmati e lo stato di attuazione. Particolare attenzione è stata data al dissesto idrogeologico che interessa la collina dove sono ubicate le vasche di accumulo da 75.000 MC di acqua proveniente dalla diga del Passante e l’impianto di rilancio dell’acqua grezza. Sorical ha consegnato alla Regione il progetto definitivo di consolidamento della parete per poter accedere ai finanziamenti che il Dipartimento Infrastrutture ha già individuato, pari a 3,8 milioni di euro, tra economie e fondi dell’Accordo di Programma “Mitigazione del Rischio Idrogeologico”, il cui Comitato d’indirizzo e controllo è stato convocato a Roma per il 12 dicembre 2017. Per gennaio la Regione conta di avere le risorse per mettere nella condizioni la Sorical di procedere con la gara d’appalto e l’avvio, prima dell’estate dei cantieri, approfittando della minore portata idrica del fiume. Riguardo, invece, l’altro intervento di sistemazione della condotta unitamente dalla Sp 25, la Provincia di Catanzaro ha convocato una conferenza dei servizi per lunedì 4 dicembre 2017. A valle della Conferenza la Provincia di Catanzaro sarà in grado di fornire ulteriori dettagli tecnici sul progetto e un cronoprogramma attendibile dell’intervento. La Regione a settembre ha già anticipato il 30% dei 10 milioni di euro (fondi Pac) previsti per l’intervento.
Il sindaco Abramo ha chiesto alla Regione e Sorical di riprendere il progetto che interessa la zona di Catanzaro Lido e Pozzi Alli per migliorare il servizio della parte bassa della città.
Il progetto con Decreto del Dipartimento regionale LL.PP. n. 3329 del 15.4.2011 veniva disposta l’ammissione a finanziamento dell’intervento B.01.b – “Potenziamento, adeguamento e riequilibrio acquedotti tra Soverato e Isola Capo Rizzuto – Schemi idrici Corace, Verghello, Sansinato, Alli (ramo Sud)”, per un importo omnicomprensivo di € 10.971.964,36 – soggetto attuatore SoRiCal S.p.A. L’intervento prevedeva la realizzazione di opere (condotte, vasche e partitori), per l’alimentazione della zona sud di Catanzaro, ed era finanziato per € 5.877.933,89, con risorse del POR FESR 2007/2013 e per € 5.094.030,47 con risorse CIPE 142/99, 84/2000 e 20/2004. Con nota del 17.6.2013, il Dipartimento regionale Lavori Pubblici richiedeva alla SoRiCal una relazione sullo stato di attuazione dell’intervento B.01.b ed un dettagliato cronoprogramma delle fasi dell’iter procedurale necessarie per l’effettiva concretizzazione dell’intervento. In riscontro la SoRiCal S.p.A. comunicava l’impossibilità di “… definire con certezza l’iter per la realizzazione dell’opera”.
In ragione di quanto comunicato dalla SoRiCal S.p.A., con decreto del 3.12.2013 del Dirigente Generale del Dipartimento Lavori Pubblici veniva revocato il decreto di ammissione a finanziamento dell’intervento, rendendo così disponibile per future e diverse riprogrammazioni l’intero finanziamento. Ora il sindaco Abramo chiede il finanziamento del progetto e la Regione si è impegnata a reperire le risorse.
Altro intervento di ripristino del Campo Pozzi Alli chiusi nella fase di passaggio delle infrastruttura dalla ex Casmez alla Regione con un intervento di 2,6 milioni di euro.
Nel febbraio del 2014 la SoRiCal trasmetteva alla Regione un progetto preliminare con lo scopo di fornire una fonte ausiliaria e alternativa di acqua grezza all’impianto di potabilizzazione di Santa Domenica, funzione assolta proprio per la posizione dell’area del campo pozzi sito in prossimità dell’ultimo tratto dell’adduttrice “Vasche di MagisanoàImpianto di potabilizzazione di Santa Domenica”, che dall’alveo, in posizione protetta, si sviluppa lungo le pendici circostanti fino al potabilizzatore. La scelta è inoltre vantaggiosa per la presenza in sito della fornitura elettrica in media tensione, proprio perché il campo pozzi è stato attivo fino al 1982.
Qualora si verificasse una rottura dell’adduttrice nel tratto di monte, l’attivazione dei nuovi pozzi, per il tempo necessario, consentirebbe di mantenere la fornitura idrica alla città di Catanzaro e contemporaneamente ripristinare l’interruzione.
La ristrutturazione del campo pozzi prevede la costruzione di n. 3 pozzi, della profondità di 60 m, oltre ad un quarto pozzo, denominato pilota e già realizzato nella campagna di indagini e prove in situ per la richiesta di autorizzazione alla ricerca di acque sotterranee per uso potabile.
A oggi, è stata rilasciata dal competente Dipartimento regionale ai LL.PP. la concessione esplorativa, per l’espletamento delle prove di emungimento e l’analisi della qualità delle acque emunte, che hanno fornito buoni risultati. Con decreto del 16.10.2017 del Dipartimento regionale Agricoltura è stato disposta la reintegra del terreno, dove insiste il campo pozzi, a favore de Comune di Catanzaro, notificando al Comune il provvedimento. Si è attualmente in attesa che il Comune di Catanzaro proceda alla relativa sdemanializzazione.  Si prevedono 6/8 mesi per l’affidamento dei lavori e altri 6/8 per i lavori.
L’assessore Musmanno ha ricordato che, nel corso di recenti incontri tenutisi presso la Cittadella Regionale a Germaneto fra i rappresentanti politici e tecnici della Regione e del comune di Catanzaro, la SoRiCal Spa, il presidente della Regione Mario Oliverio ha manifestato disponibilità a reperire ulteriori risorse finanziarie per il finanziamento di interventi che aumentino il livello di sicurezza dell’acquedotto Simeri – Passante.
Al fine di valutare le esigenze economiche e le possibilità tecniche di intervento, è stato chiesto alla SoRiCal Spa di elaborare una nuova proposta progettuale.
La SoRiCal Spa si è impegnata a fornire la proposta progettuale in questione entro il 31 gennaio 2018.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archivie o dal dacquando il browser, sotto forma di biscotti. Controlla qui i servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi