fbpx
Il commissario Cataldo Calabretta incontra il presidente Nino Spirli e66753e7 95bc 4d47 b6a6 c681b68df2ab
Home In Primo Piano Notizie

Il commissario Cataldo Calabretta incontra il presidente Nino Spirli

Il commissario liquidatore della Sorical, Cataldo Calabretta, ha incontrato questa mattina nella sede della Regione Calabria il presidente f.f. della giunta Nino Spirlì. Un incontro cordiale e molto proficuo sul futuro della società partecipata dalla Regione: si è discusso dell’iter che entro poco tempo dovrà portare all’individuazione del gestore del servizio idrico integrato. Il processo, oramai irreversibile, è imposto dall’Unione Europea quale prerequisito per ottenere i finanziamenti comunitari per gli investimenti nel settore idrico. “La Regione deve poter raccogliere l’opportunità che ha messo a disposizione l’Europa, attraverso il Recovery Fund affinché si possa investire in un settore strategico come quello idrico”, ha evidenziato il Commissario di Sorical al Presidente Spirlì.
Calabretta: È il momento della responsabilità e della chiarezza 0ab03681 ba13 43df bc9f 4a0ed06dbe54
Home Notizie

Calabretta: È il momento della responsabilità e della chiarezza

I compiti dell’ente di governo sono stabiliti dalla legge istitutiva, e tra questi sicuramente non c’è quello di predisporre lo Statuto del soggetto che andrà a gestire il servizio idrico integrato. Prima di prendere decisioni che impegnano la Regione, garbo istituzionale vorrebbe che tutti i soggetti coinvolti collaborassero e discutessero sul percorso da seguire nel rispetto delle leggi.L’articolo 3 comma 3 della legge istitutiva dell’Aic prevede il “necessario coordinamento con l’amministrazione regionale” per giungere in tempi brevi al riordino del settore. Una legge del 2017, che dopo oltre 3 anni ancora non ha trovato attuazione per l’inerzia dei Comuni, non della Regione. Le fughe in avanti servono a poco. Se i Comuni vogliono fare da soli e senza un confronto istituzionale, ricordiamo che la Regione è proprietaria della grande adduzione, oggi affidata a Sorical fino al 2034, e quindi l’Autorità Idrica può decidere solo sui propri assetts, reti idriche, fognatura e depurazione, non certo su quelli della Regione.I consulenti che lavorano per l’Aic hanno predisposto la documentazione per due opzioni nel caso in cui si volesse perseguire l’affidamento inhouse: pubblicizzare Sorical e costruire su di essa il servizio idrico integrato, oppure costruire una nuova società che, come stabilisce la legge 152/2006, deve acquisire tutti gli operatori che sono sul mercato compreso i piani di investimento non ancora ammortizzati. Questa seconda strada è molto rischiosa e servono, secondo quanto scrivono gli stessi consulenti dell’Aic, almeno 100 milioni di euro di capitale per poter avviare la nuova società.La strada da seguire, invece, potrebbe essere un’altra. E’ difficile che oggi in Calabria ci siano competenze, al di fuori di quelle di Sorical, per poter gestire il servizio idrico, e la società è un’opportunità per giungere in tempi brevi ad una soluzione condivisa.Qualcuno solleva il problema dei debiti di Sorical, è il caso di parlare anche dei crediti, non solo di quelli che vanta Sorical, ma anche di quelli in Bilancio della Regione. Su questo bisogna essere chiari fino in fondo e nessuno può sfuggire dalle responsabilità. Come è noto a tutti, compreso alla Corte dei Conti, il sistema di grande adduzione e quello della depurazione, che stanno a monte e a valle del sistema, sono entrati in crisi 10 anni fa perché i Comuni non hanno mai attuato la legge regionale di riforma del 1997 che individuava, attraverso i cinque ambiti ottimali, i cinque gestori per organizzare in modo efficiente il sistema della riscossione, che deve necessariamente coprire i costi di gestione. Ancora oggi la Regione vanta 280 milioni di euro di canoni idrici dei Comuni (erano originariamente 450 milioni) per il periodo 1981/2004, mentre Sorical ne vanta altri 160 milioni con i quali potrebbe coprire di debiti della società.L’inerzia dei Comuni e all’epoca anche della Province, ha messo in crisi tutto il sistema sia della Sorical e sia di tutte le decine di società che gestiscono la depurazione.In questi giorni si sta disquisendo sulle questioni giuridiche e non su quelle economiche e finanziarie. Ancora non si è capito un punto, se il servizio è dei Comuni, qualcuno deve dirci chi ci mette i soldi per finanziare la fase di avvio del nuovo soggetto. C’è un progetto industriale che definisce questi aspetti? Non vorrei che avviato il servizio idrico integrato, dopo pochi mesi ci trovassimo al punto di partenza e nel caos come è accaduto in altri settori. Avv. Cataldo CalabrettaCommissario liquidatore della Sorical
Lunedì sarà aperta la strada provinciale 73 nel Vibonese Gerocarne 1
Senza categoria

Lunedì sarà aperta la strada provinciale 73 nel Vibonese

L’amministrazione provinciale di Vibo Valentia ha comunicato alla Sorical che lunedì sarà parzialmente riaperta la strada provinciale 73. Sorical predisporrà la messa in sicurezza dell’area di cantiere e installerà un impianto semaforico per regolare il senso unico alternato. La strada sp 73 era stata interdetta al traffico da luglio scorso, dopo la frana di una carreggiata a seguito di uno smottamento causato dalla rottura della condotta dell’acquedotto Alaco che attraversa il territorio di Gerocarne.Il commissario della Sorical, Cataldo Calabretta, ringrazia la struttura tecnica della Provincia di Vibo per aver accolto con celerità la richiesta dell’area operativa della Sorical dell’apertura con limitazione del tratto stradale interessato dei lavori di ricostruzione della carreggiata.
Strada franata, Calabretta incontra Nesci [object object] Strada franata, Calabretta incontra Nesci Senza titolo 1
Home In Primo Piano Notizie

Strada franata, Calabretta incontra Nesci

Sorical ha trasmesso questa mattina all’Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia una proposta, supportata da una dettagliata relazione tecnica, di revoca della chiusura della strada provinciale 73 e apertura limitata al traffico, con senso unico alternato regolato da un impianto semaforico. E’ quanto ha riferito alla parlamentare del M5S, Dalila Nesci dal commissario della Sorical Cataldo Calabretta, nel corso di un incontro che si è tenuto negli uffici della sede direzionale di Catanzaro. Il 15 luglio scorso, un breve tratto della strada, tra i Comuni di Gerocarne e Sorianello, è franato a causa di uno smottamento a seguito della rottura della diramazione dell’acquedotto Alaco. Sorical, dopo aver riparato la condotta, ha avviato le procedure per ricostruire il tratto di strada danneggiato.I lavori – ha spiegato il commissario alla parlamentare – potranno completarsi non prima della fine di ottobre e per attenuare i disagi delle popolazioni interessate, anche in vista dell’apertura della scuole, Sorical ha chiesto ai tecnici incaricati dei lavori di ricostruzione del tratto in frana, di valutare, in base alle perizie geologiche già eseguite, l’istituzione, già da lunedì prossimo, nella tratta danneggiata un senso unico alternato, regolato da apposito impianto semaforico. La nota tecnica, trasmessa alla Provincia di Vibo, analizza le condizioni di stabilità del corpo stradale nelle condizioni di esercizio limitato al transito sulla sola corsia del lato monte, quello ovviamente opposto al versante franato.Ora ogni decisione è rimessa all’amministrazione provinciale di Vibo Valentia.
Strada provinciale 73, Calabretta rassicura i sindaci su parziale riapertura Gerocarne e1600370433738
Home In Primo Piano Notizie

Strada provinciale 73, Calabretta rassicura i sindaci su parziale riapertura

Sorical rassicura i sindaci di Gerocarne e Soriano Calabro sulla tempistica dei lavori di ricostruzione e consolidamento del tratto della strada provinciale n. 73 Soriano-Mesima, parzialmente danneggiato a causa della rottura della condotta dell’acquedotto Alaco, oggi chiusa al traffico.

Nel pomeriggio, su disposizione del commissario liquidatore, avv. Cataldo Calabretta,  che ha ricevuto diverse sollecitazioni da parte dei rappresentati della istituzioni del territorio, si è fatto il punto sullo stato dell’arte delle procedure adottate dall’Area Operativa della Sorical diretta dall’ingegnere Sergio De Marco.

Sin dal primo istante Sorical ha effettuato la riparazione della condotta, operazione per ovvii motivi prioritaria rispetto a qualsiasi altra attività dal momento che si era venuto ad interrompere completamente il servizio idropotabile ad una popolazione di molte decine di migliaia di abitanti. Contestualmente la società si è immediatamente attivata dapprima per mettere in sicurezza l’arteria stradale e subito dopo per progettare gli interventi e le opere necessarie alla completa riparazione della strada.

Le necessarie indagini geologiche hanno dato evidenza del fatto che il corpo stradale è in massima parte poggiato su dei terreni argillosi che rendono alquanto impegnative le opere di fondazione dei muri necessari alla ricostruzione del corpo stradale. I tecnici che abbiamo sin da subito incaricato, un ingegnere esperto in progettazioni stradali e strutturali, supportato da un geologo, ci consegneranno il progetto nella sua redazione esecutiva entro la fine della prossima settimana e Sorical, immediatamente dopo avere esperito le pratiche di rito: deposito c/o gli uffici del Genio Civile e relativa approvazione ed autorizzazione degli uffici tecnici dell’amministrazione provinciale, procederà in via di urgenza all’affidamento dei lavori ad una impresa esecutrice di indiscutibile affidabilità e competenza specifica in tali tipi di interventi.

Nel frattempo, nelle more di realizzare gli interventi definitivi che potranno completarsi non prima della fine di ottobre, per attenuare i disagi delle popolazioni interessate e con il supporto degli stessi professionisti incaricati, si sta valutando la possibilità di proporre alla competente Amministrazione Provinciale di riaprire la strada al traffico, seppure istituendo nella tratta danneggiata un senso unico alternato, regolato da apposito impianto semaforico. SORICAL da parte sua provvederà a mettere ulteriormente in sicurezza il corpo stradale nella parte danneggiata coprendo con degli appositi teli in PVC le sezioni del rilevato interessate dai franamenti ed estendendo sia verso monte che verso valle le barriere di protezione tipo New Jersey  ed inserendo una più robusta recinzione che separi la corsia di marcia di cui si prevede la riapertura dall’area del cantiere in via di installazione.

Assemblea degli azionisti: Calabretta nuovo commissario liquidatore Calabretta Quartararo scaled
Home In Primo Piano Notizie

Assemblea degli azionisti: Calabretta nuovo commissario liquidatore

L’Assemblea degli azionisti della Sorical, in seduta straordinaria, ha nominato l’avvocato Cataldo Calabretta commissario liquidatore della Sorical, su indicazione del socio Regione, in sostituzione dell’on. Luigi Incarnato.

Cataldo Calabretta, classe 1977, è nato a Ciró Marina in provincia di Crotone. È avvocato e docente universitario di diritto dell’informazione, corso di laurea in Giurisprudenza (Unical, Università della Calabria – Ecampus di Novedrate). È Dottore di Ricerca in “Impresa, Stato e Mercato”, conseguito presso il Dipartimento Giuridico dell’Università della Calabria con specializzazione in Diritto Privato. Ha frequentato il Corso di Specializzazione ISDACI di Milano  “per esperto in affari legali d’impresa”. Nel 2006 ha conseguito il Master di II Livello “Diritti umani e Legalità”.

L’assemblea degli azionisti ha proceduto anche al rinnovo dei componenti del Collegio Sindacale:  il socio Regione ha nominato il dottor Pasquale Saragò ( che assumerà la carica di presidente) e il dottor Francesco Quattromani. Il socio “Acqua di Calabria” ha confermato il dottor Baldassere Quartararo nel ruolo di commissario liquidatore e il dottor Francesco Saverio Nitti nel collegio dei Revisori dei Conti.
Da sinistra: Francesco Saverio Nitti, Baldassare Quartararo e Cataldo Calabretta

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archivie o dal dacquando il browser, sotto forma di biscotti. Controlla qui i servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi