fbpx
Lamezia, ripresa erogazione dopo 40 ore di lavoro ininterrotto 976a22ca 9765 4927 8c0c 24f7edd8fd67
Home In Primo Piano Notizie

Lamezia, ripresa erogazione dopo 40 ore di lavoro ininterrotto

Sorical ha ultimato questa sera, dopo circa 40 ore consecutive di lavoro ininterrotto, la riparazione del guasto sulla condotta per i serbatoi di Sambiase Basso, Sambiase Alto e Caronte. Dalle ore 18:30 sono state immediatamente avviate le operazioni di riavvio della erogazione idrica dal partitore Canneto verso il serbatoio di Sambiase Basso, l’intervento di riavvio della fornitura sarà eseguito con gradualità e impegnerà le maestranze per ulteriori due ore, non appena si sarà raggiunto un minimo di accumulo entro il serbatoio di Sambiase Basso sarà riavviato anche l’impianto di sollevamento per Sambiase Alto e Caronte. Si può prevedere che le utenze finali potranno avere ripristinata la fornitura dalle ore 23 iniziando da quelle poste a quota più bassa. Diverse squadre specializzate sono stato impegnate nelle 40 ore di lavoro anche per effettuare quattro riparazioni, tra la giornata di ieri e di oggi, sulla condotta principale in acciaio DN 400 tra Scinà e il serbatoio di Canneto Alto, interventi eseguiti senza provocare disagi ai cittadini. Al fine di dare ai cittadini, si ricorda che la Sorical, ha in corso una richiesta di finanziamento di circa 2,5 milioni di euro alla Regione Calabria per la sostituzione dell’intera tratta di condotta tra il Partitore Canneto e il Serbatoio Sambiase Basso. Per quanto riguarda invece la condotta premente principale DN 400, tra Scinà e il serbatoio Canneto Alto per la quale Sorical si è assunta l’onere di provvedere alla sostituzione di un tratto di circa 2 Km con propri fondi di bilancio, si da conto che la gara per la fornitura delle tubazioni è stata esperita con aggiudicazione alla ditta vincitrice, le tubazioni previste nell’ordine di aggiudicazione sono disponibili presso i depositi di Trieste dell’azienda vincitrice, ciò precisato, si prevede che non appena l’ordine sarà formalizzato entro una al massimo due settimane i tubi saranno materialmente presso i depositi Sorical di Lamezia Terme e potranno essere immediatamente posati in opera avendo già a disposizione l’impresa installatrice. Infine si ricorsa che in questi ultimi due anni ha ripristinato le infrastrutture edili dei serbatoi Caronte, San Biase Alto, San Biase Basso, Bella Alto, Bella Basso, Canneto Alto e Canneto Basso, nonché gli arrivi ENEL delle Cabine MT di Scinà, Sambuco, Pian del Duca, Palazzo e Ceramdio. Ha installato 4 elettropompe sommerse da pozzo da 300 KW; e 3 avviatori a frequenza variabile di nuova generazione per l’impianto Sambuco, nonché 2 pompe ad asse orizzontale da 250 KW per impianto Scinà ed ultimo ha sostituito circa 1500 metri di tubazione in polietilene Dn 300 sulla condotta premente per il serbatoio di San Pietro Lametino e 300 mt  della stessa condotta per i serbatoi di Bosco Amatello, Marinella e Vetere; Inoltre sulla stessa tratta sono già in cantiere ulteriori 800 metri di tubazione in Pe De 300 che a breve saranno poste in opera per migliorarne l’affidabilità strutturale e ridurre perdite e interruzioni di fornitura idrica. Pur nella complessità e consistenza degli interventi in cantiere, Sorical è impegnata nel ridurre al minimo i disagi ai cittadini e, come è accaduto nelle ultime ore, se necessario anche nelle ore notturne senza soluzione di continuità fino al completo ripristino della erogazione Il cantiere
Sorical pianifica interventi su acquedotto Sambuco di Lamezia Calabretta foto
Home In Primo Piano Notizie

Sorical pianifica interventi su acquedotto Sambuco di Lamezia

Le conseguenze della grave crisi finanziaria causata alla Sorical dalla Multiservizi di Lamezia e l’impatto sugli gli investimenti straordinari sull’acquedotto Sambuco sono stati gli argomenti trattati in una riunione che si è tenuta negli uffici della Sorical a Catanzaro. Presenti all’incontro i vertici della Multiservizi rappresentati dal commissario Bevivino, il rappresentate della terza commissariale del Comune di Lamezia, per Sorical il commissario Cataldo Calabretta, il responsabile dell’ufficio di Lamezia Giovanni Belmonte e il responsabile del compartimento Centro, Massimo Macri. All’incontro presente anche il deputato della Lega Domenico Furgiuele.     I tecnici della Sorical hanno illustrato gli investimenti fatti in questi ultimi anni sugli impianti di Lamezia, sia di decoro che di adeguamento ed efficientiamento degli impianti elettrici e di sostituzione di tratti di condotte con l’impegno di risorse importanti. Inoltre è stato spiegato come la crisi della Multiservizi ha impedito a Sorical di incassare circa 13 milioni di euro con il conseguente rallentamento degli investimenti.  Ora è stata prospettata la necessità delle rifacimento delle condotte, in due tratti, per complessivi 6 chilometri, di cui 3,4 km tra l’impianto Scinà e il partitore Canneto, con i primi 1500 metri da rifare con urgenza perché è qui che si concentrano le frequenti rotture; L’altro intervento è sul tratto che va dal partitore Canneto a serbatoio Sambiase, dove è necessario predisporre una variante di tracciato per evitare interferenze con alcune abitazioni. Per questo progetto è stato presentato alla Regione la richiesta di finanziamento straordinario a ottobre del 2020 per un importo complessivo di 2,4 milioni di euro.   Nel corso della riunione Sorical si è impegnata a sostituire le condotte per step attraverso l’acquisto diretto di condotte e la posa di un primo tratto con le imprese di manutenzione.  Subito dopo la riunione il commissario Calabretta ha incontrato la Regione per verificare la tempistica dei finanziamenti per tutto l’investimento, riscontrando dall’assessore all’Ambiente De Caprio massima disponibilità per una celere soluzione.
Sorical pianifica interventi su acquedotto Sambuco di Lamezia Calabretta foto
Home In Primo Piano Notizie

Sorical pianifica interventi su acquedotto Sambuco di Lamezia

Le conseguenze della grave crisi finanziaria causata alla Sorical dalla Multiservizi di Lamezia e l’impatto sugli gli investimenti straordinari sull’acquedotto Sambuco sono stati gli argomenti trattati in una riunione che si è tenuta negli uffici della Sorical a Catanzaro. Presenti all’incontro i vertici della Multiservizi rappresentati dal commissario Bevivino, il rappresentate della terza commissariale del Comune di Lamezia, per Sorical il commissario Cataldo Calabretta, il responsabile dell’ufficio di Lamezia Giovanni Belmonte e il responsabile del compartimento Centro, Massimo Macri. All’incontro presente anche il deputato della Lega Domenico Furgiuele.     I tecnici della Sorical hanno illustrato gli investimenti fatti in questi ultimi anni sugli impianti di Lamezia, sia di decoro che di adeguamento ed efficientiamento degli impianti elettrici e di sostituzione di tratti di condotte con l’impegno di risorse importanti. Inoltre è stato spiegato come la crisi della Multiservizi ha impedito a Sorical di incassare circa 13 milioni di euro con il conseguente rallentamento degli investimenti.  Ora è stata prospettata la necessità delle rifacimento delle condotte, in due tratti, per complessivi 6 chilometri, di cui 3,4 km tra l’impianto Scinà e il partitore Canneto, con i primi 1500 metri da rifare con urgenza perché è qui che si concentrano le frequenti rotture; L’altro intervento è sul tratto che va dal partitore Canneto a serbatoio Sambiase, dove è necessario predisporre una variante di tracciato per evitare interferenze con alcune abitazioni. Per questo progetto è stato presentato alla Regione la richiesta di finanziamento straordinario a ottobre del 2020 per un importo complessivo di 2,4 milioni di euro.   Nel corso della riunione Sorical si è impegnata a sostituire le condotte per step attraverso l’acquisto diretto di condotte e la posa di un primo tratto con le imprese di manutenzione.  Subito dopo la riunione il commissario Calabretta ha incontrato la Regione per verificare la tempistica dei finanziamenti per tutto l’investimento, riscontrando dall’assessore all’Ambiente De Caprio massima disponibilità per una celere soluzione.
Notizie

Investimento di 3 milioni per sostituzione condotte/Cosenza

Sorical ha aperto i cantieri in tutte le cinque province della Calabria per la sostituzione condotte adduttrici ammalorate. Un investimento di oltre 3 milioni di euro per eliminare le criticità più evidenti che hanno creato negli ultimi mesi continui disservizi.  In particolare i tecnici della Sorical hanno pianificato gli interventi su quei tratti di condotta dove le rotture erano frequentissime.
Riguardo la provincia di Cosenza, ad oggi,  sono stati eseguiti alcuni interventi sullo schema idraulico Sila Greca di gestione della sede zonale di Cosenza, a servizio della popolazione del Comune di Luzzi e Rose:
      

 
Località Piano Lepre e Guttaro nel Comune di Luzzi; Sempre sullo schema idraulico Sila Greca sono in corso i lavori per un tratto di circa 1,6 km nel Comune di Rose.
Un ulteriore intervento è stato realizzato sullo schema Idraulico Macrocioli ricadente negli acquedotti di gestione della Sede Zonale di Trebisacce: Località Destro attraversamento su ponte Manco nel Comune di Longobucco. La prossima settimana prossima avranno inizio alcuni lavori di sostituzione condotta anche su acquedotti di gestione della sede zonale di Bonifati e la sostituzione di un tratto di condotta sullo schema idraulico Abatemarco  in località Carbonella nel Comune di Rota Greca con  tubazione in acciaio Dn 100 per 1 km sulla diramazione per l’utenza capoluogo del Comune di Lattarico e l’utenza  Santa Maria le Grotte nel Comune di San Martino di Finita.
 

Notizie

Sorical, fiducia nella magistratura sul servizio idrico a Lamezia

Sorical esprime massima fiducia nell’azione intrapresa dalla Procura di Lamezia Terme sulla gestione del servizio idrico della città, consapevole della correttezza della procedura utilizzata nei confronti della Multiservizi dalla quale vanta crediti per 8,8 milioni di euro pari a due anni e mezzo di fatture emesse e non pagate.
La riduzione della fornitura per inadempienza contrattuale attuata dalla Sorical rispetta le modalità e i parametri fissati dalle sentenze del Tribunale amministrativo regionale che si è espresso per vicende analoghe ( Comune di Cosenza e di Scalea).
Nel caso della Multiservizi di Lamezia Terme, Sorical, precisa, di aver ridotto la fornitura nella misura certamente sufficiente a soddisfare il fabbisogno idrico della popolazione residente, nonché dei servizi collettivi presenti sul territorio gestiti dalla Multiservizi. L’entità del fabbisogno è stato elaborato secondo parametri fissati da studi di settore e dalla normativa vigente.
Sorical, inoltre, fa presente che nessuna delle sentenze citate da alcune forze politiche in comunicati stampa ha ritenuto illegittima e quindi vietato l’utilizzo della procedura riduzione della fornitura di acqua per morosità, ma al contrario, il giudice amministrativo ha fissato le modalità di attuazione.
Riguardo il contenzioso in essere con la Multiservizi, la riduzione è avvenuta dopo diversi solleciti di pagamento e più diffide inviate alla società a partire da maggio 2017. Prima dello scioglimento del Consiglio Comunale, Sorical e Multiservizi, alla presenza dell’Amministrazione Comunale, avevano convenuto ad addivenire alla stipula di un piano di rientro dal debito pregresso e all’impegno di saldare alcune fatture correnti entro il 2017 con rate al 31 novembre e 28 dicembre.
Nel corso dell’ultimo incontro con il Commissario del Comune di Lamezia, il Prefetto dottor Francesco Alecci e i nuovi vertici della Multiservizi, Sorical, rappresentata dai commissari liquidatori Luigi Incarnato e Baldassare Quartararo, di fronte alla difficoltà della Multiservizi a pagare alcune delle dieci fatture scadute, ha chiesto la certificazione del debito per poter procedere alla sospensione di ogni azione di recupero dei crediti. A tale richiesta, nonostante le rassicurazioni, non sono giunte risposte.
Sorical, ad oggi, vanta crediti per circa 200 milioni di euro dai Comuni e ha assunto impegni contrattuali verso fornitori, istituti bancari e imprese. Dopo la messa in liquidazione, nel 2012, la società ha raggiunto un equilibrio finanziario per poter continuare a gestire il servizio idrico come da concessione affidata dalla Regione.
Onorare il piano di ristrutturazione del debito, il pagamento dei fornitori di energia elettrica, le imprese di manutenzione e i dipendenti, è l’impegno prioritario dei Commissari liquidatori, ed ogni azione intrapresa è finalizzata a garantire l’erogazione dei servizio idrico fino ai serbatoi di consegna dei 383 Comuni serviti.
 

 

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archivie o dal dacquando il browser, sotto forma di biscotti. Controlla qui i servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi